S.H.R.O. Salute Italia

Professional social network di Antonio Giordano

Tumore pediatrico, un passo in avanti nella ricerca

Ricercatori hanno identificato due nuovi potenziali bersagli per il trattamento del rabdomiosarcoma (RMS), un tumore pediatrico altamente maligno, che si sviluppa da cellule staminali mesenchimali (MSCs) destinate a trasformarsi in cellule muscolari scheletriche, come e` riportato sulla rivista scientifica Cell Cycle. “Esaminando lo sviluppo del RMS, abbiamo localizzato alcuni potenziali bersagli per future terapie”, afferma Antonio Giordano, direttore dell`Istituto Sbarro per la Ricerca sul Cancro e Medicina Molecolare, del College of Science and Technology della Temple University di Philadelphia, USA.
Lo studio nasce dalla collaborazione internazionale tra l`Istituto Sbarro di Philadelphia, il CROM (Centro Ricerche Oncologiche di Mercogliano), l`Universita` di Siena e l`Ospedale Pediatrico Bambin Gesu` di Roma.
La ricerca di bersagli alternativi per la terapia del RMS e` particolarmente urgente, perche` il tumore spesso richiede terapie multiple di cura che possono portare ad un alto grado di tossicita` ed effetti collaterali a lungo termine sui giovani pazienti.

Nello studio in questione, i ricercatori hanno esaminato un gruppo di 20 microRNA – piccole molecole di RNA non codificante capaci di regolare l`espressione genica - che appaiono essere coinvolti nel differenziamento del muscolo scheletrico e potenzialmente nella cancerogenesi.

I risultati hanno mostrato una diminuzione dell`espressione di miR-26a nelle linee cellulare di RMS che in campioni tumorali prelevati da pazienti quando comparati nei controlli normali.
Di converso, Ezh2 mRNA, uno dei gia` riconosciuti target di miR-26a, ha mostrato maggiori livelli di espressione nei campioni di pazienti affetti da RMS, suggerendo che la regolazione di Ezh2 dipendente da miR-26a puo` essere attiva nelle cellule del rabdmiosarcoma.
“Anche se dobbiamo sperimentare i nostri risultati su una piu` ampia casistica, lo studio rivela che e` possibile che miR-26a e Ezh2 possono prendere parte alla patogenesi di RMS, rappresentando potenzialmente nuovi importanti targets terapeutici per il trattamento di questo tipo di tumore”, cosi` conclude Giordano.

Visualizzazioni: 32

Commento

Devi essere membro di S.H.R.O. Salute Italia per aggiungere commenti!

Partecipa a S.H.R.O. Salute Italia

 

Rubrica Giordano su Doctor Mag

DOCTOR MAG

 

 

Picasa BLOG foto nuovi laboratori SHRO

© 2019   Creato da SHRO Media Press.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio